Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.4 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti processi e tecnologie nel settore agricolo, alimentare e forestale - PSR - Basilicata

Anagrafica Misura
Regione: 
Basilicata
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Fonti: 

PSR Basilicata - Versione Settembre 2012

Responsabile della Misura: 

CARIATI Fernanda
Telefono 0971.668688
fernanda.cariati@regione.basilicata.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura è finalizzata al sostegno di iniziative di cooperazione tra soggetti economici che partecipano in ambito regionale a filiere produttive agricole, agro-alimentari e forestali e partners del mondo della ricerca al fine di costituire e/o rafforzare strutture associative e realizzare progetti di ricerca per l’ideazione, la realizzazione, il collaudo e il trasferimento di innovazioni di prodotto e di processo, per la valorizzazione delle produzioni lucane nell’ambito di sistemi di qualità con requisiti atti al loro riconoscimento in ambito regionale, nazionale, o comunitario.

L’obiettivo della misura è agevolare la formazione di soggetti associati e l’attività di cooperazione tra i soggetti della filiera per attività di ricerca e sviluppo e per la promozione di innovazioni di prodotto e di processo.

Gli obiettivi operativi della Misura sono:

  • Migliorare i processi logistici ed organizzativi;
  • Progettare nuovi prodotti/processi;
  • Sviluppare accordi di cooperazione per la creazione di nuovi sbocchi di mercato e per la
    definizione o riorganizzazione di canali commerciali sia rivolti al mercato interno, che a
    quello extra CE;
  • Aumentare la concentrazione dell’offerta di prodotti agricoli e forestali;
  • Migliorare la performance ambientale dei processi produttivi nei settori agricolo,
    alimentare e forestale.
Interventi ammissibili: 

Sono ammissibili i soli progetti di cooperazione che:

  • concernono operazioni pre-competitive, che precedono l’utilizzo commerciale dei prodotti, processi e tecnologie
  • riguardano più soggetti della filiera agroalimentare
  • coinvolgono la fase della produzione agricola di base (aziende agricole) e i soggetti pubblici e privati impegnati nel campo della ricerca e sperimentazione pre – competitiva
  • interessano almeno due operatori, di cui almeno uno rappresentato da un produttore primario o da un soggetto dell’industria di trasformazione, l’altro rappresentato da un ente di ricerca o di trasferimento dell’innovazione.

Sono ammessi i seguenti interventi:

  • costituzione e avviamento di organismi associativi per l’introduzione delle innovazioni finalizzate a valorizzare le produzioni attraverso la certificazione di qualità;
  • ideazione e progettazione di nuovi prodotti, e/o processi, test e prove sui materiali;
  • acquisto di attrezzature ed impianti da destinare alle attività dell’iniziativa di cooperazione prevista dalla presente misura;
  • materiale software e hardware da destinare all’attività di cooperazione;
  • divulgazione dei risultati acquisiti e diffusione dell’innovazione;
  • progetti innovativi connessi alle nuove sfide: iniziative di cooperazione per sostenere la conservazione della biodiversità; iniziative di cooperazione per la ristrutturazione del settore lattiero-caseario; iniziative di cooperazione per migliorare la gestione delle risorse idriche.
Destinazione
Destinatari: 

Associazioni temporanee di impresa composte da produttori primari nei settori agricoli e forestali, altri soggetti delle filiere e centri di ricerca applicata. I membri delle associazioni devono aver stipulato un regolare contratto finalizzato alla realizzazione di uno specifico progetto di cooperazione.

I progetti di cooperazione devono:

  • riguardare più soggetti della filiera agroalimentare
  • coinvolgere obbligatoriamente la fase della produzione agricola di base (aziende agricole) e i soggetti pubblici e privati impegnati nel campo della ricerca e sperimentazione pre – competitiva
  • interessare almeno due operatori, di cui almeno uno rappresentato da un produttore primario o da un soggetto dell’industria di trasformazione, l’altro rappresentato da un ente di ricerca o di trasferimento dell’innovazione
Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Comparti: 
1. Seminativi
1.1 Cereali (escluso riso)
5. Ortofrutta
6. Zootecnia
7. Olivicoltura
8. Viticoltura
9. Apicoltura
10. Forestale
10.1 Arboricoltura da legno
10.3 Produzioni forestali per la produzione di energia
10.4 Piante tartufigene
11. Florovivaismo
15. Altre produzioni comprese nell'Allegato I del Trattato
Comparto speciale: 
funghi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali e immateriali

  • costituzione e avviamento di organismi associativi per l’introduzione delle innovazioni finalizzate a valorizzare le produzioni attraverso la certificazione di qualità;
  • ideazione e progettazione di nuovi prodotti, e/o processi, test e prove sui materiali
  • acquisto di attrezzature ed impianti da destinare alle attività dell’iniziativa di cooperazione prevista dalla presente misura
  • materiale software e hardware da destinare all’attività di cooperazione;
  • divulgazione dei risultati acquisiti e diffusione dell’innovazione;
  • progetti innovativi connessi alle nuove sfide: iniziative di cooperazione per sostenere la conservazione della biodiversità
  • iniziative di cooperazione per la ristrutturazione del settore lattiero-caseario; iniziative di cooperazione per migliorare la gestione delle risorse idriche

Spese generali

  • onorari di architetti, ingegneri e consulenti
  • studi di fattibilità
  • acquisizione di brevetti e licenze


Soglie e massimali di spesa

Importo massimo spese generali 12% dell’importo degli investimenti materiali a cui sono collegate
 

Intensità dell'aiuto: 

Il sostegno è concesso nella misura del:

  • 70% delle spese ammissibili


Per le operazioni relative ai prodotti non compresi nell’Allegato 1 del Trattato, il presente sostegno è concesso alle condizioni previste dalla normativa de minimis Reg.(CE) n.1998/06 GU L. 379 del 28/12/06