Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.1 Ammodernamento delle aziende agricole - PSR - Lombardia

Anagrafica Misura
Regione: 
Lombardia
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Azione: 
A. Ammodernamento delle aziende agricole del comparto lattiero-caseario
Fonti: 

Modalità attuative Rev. 6 del 24/11/2011.

Responsabile della Misura: 

Giovanni Maggioni

Oggetto
Descrizione e finalità: 

Aumentare la redditività delle aziende, attraverso la riduzione e la razionalizzazione dei costi di produzione, l‟innovazione di prodotto e di processo e creare condizioni maggiormente competitive all‟interno delle aziende agricole del comparto lattiero-caseario, anche nell‟ottica di una maggiore sostenibilità ambientale delle attività agricole.

Interventi ammissibili: 

Gli ambiti di azione della misura riguardano:

  •  la realizzazione di investimenti volti alla riduzione e razionalizzazione dei costi di produzione;
  •  la realizzazione di investimenti mirati alla riduzione dei costi di gestione dei reflui zootecnici;
  •  l‟innovazione tecnologica, in particolare quella relativa all‟ottenimento di nuovi prodotti;
  •  la diversificazione della produzione agricola;
  •  la realizzazione di investimenti finalizzati all‟introduzione di sistemi di qualità;
  •  la realizzazione di interventi mirati al risparmio energetico e alla riduzione dell‟impatto ambientale;

Non sono ammessi né interventi di manutenzione ordinaria né investimenti di sostituzione.
In particolare, è considerato investimento di sostituzione, l‟intervento che:

  •  non modifica in modo significativo i costi di gestione;
  •  non apporta consistenti vantaggi ambientali e di risparmio energetico;
  •  non migliora il benessere degli animali in modo sostanziale.
Destinazione
Destinatari: 

Le imprese agricole, nella forma di impresa individuale,  società agricola o cooperativa agricola titolari di partita IVA, iscritte presso la Camera di Commercio al Registro delle Imprese – Sezione speciale imprenditori agricoli o Sezione coltivatori diretti o Sezione speciale imprese agricole.
Le imprese agricole possono essere singole o associate.

Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale

Comparti: 
6.1 Lattiero-caseario
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Sono ammesse al finanziamento le spese per:
a) la realizzazione di opere di miglioramento fondiario;
b) la realizzazione e/o la ristrutturazione degli impianti di trasformazione e commercializzazione dei prodotti purché di provenienza aziendale per almeno i 2/3 di quelli utilizzati;
c) investimenti finalizzati all‟introduzione di sistemi di qualità ai sensi delle norme ISO, EMAS ed GlobalGap;
d) investimenti finalizzati all‟introduzione in azienda dell‟impiego di fonti energetiche rinnovabili. Le potenzialità produttive degli impianti per la produzione di energia rinnovabile devono essere commisurate al fabbisogno energetico aziendale e l‟energia prodotta deve essere utilizzata, in prevalenza, nel ciclo produttivo e comunque esclusivamente all‟interno dell‟azienda stessa. La biomassa utilizzata per il funzionamento degli impianti deve provenire, per almeno i 2/3 dall‟azienda stessa, la rimanente da operatori del territorio in cui è localizzato l‟impianto. In ogni caso, la dimensione produttiva massima non può superare 1 MW.
e) l‟acquisto e/o la realizzazione di impianti mobili, semi mobili e fissi per la produzione, conservazione, trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici;
f) acquisto di nuove macchine e attrezzature;
g) l‟acquisto di dotazioni mobili, semi mobili e fisse per la conservazione e la trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici;
h) i costi di redazione del piano aziendale, quelli relativi alla progettazione, alla direzione dei lavori ed alla gestione del cantiere, alla certificazione dei sistemi di qualità di cui alla lettera d), sono ammissibili, nell‟ambito delle spese generali, fino a un massimo del 10% della spesa ammessa a finanziamento.
Sono escluse dal finanziamento le spese per:

  •  l‟acquisto di terreni;
  •  l‟acquisto di diritti di produzione agricola, animali, piante annuali e loro messa a dimora, le coltivazioni non permanenti;
  •  la realizzazione di interventi per l‟espansione della rete irrigua esistente, ossia per l‟aumento della superficie irrigabile;
  •  l‟acquisto di impianti, macchine ed attrezzature usate;
  •  l‟acquisto di apparecchiature e strumentazioni informatiche usate;
  •  la realizzazione di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria;
  •  la realizzazione di interventi immateriali non collegati a investimenti materiali;
  •  la realizzazione di investimenti di sostituzione.


L‟aiuto può essere concesso secondo le seguenti tipologie:

  •  contributo in conto capitale;
  •  contributo in conto interessi sui mutui concessi da Istituti di Credito.

Le due tipologie di aiuto sono mutuamente esclusive.

Intensità dell'aiuto: 

Le percentuali massime di sostegno sono le seguenti:

  •  fino al 50% del costo dell‟investimento ammissibile realizzato da giovani agricoltori nelle aree svantaggiate montane;
  •  fino al 45% del costo dell‟investimento ammissibile realizzato da altri agricoltori nelle aree svantaggiate montane;
  •  fino al 40% del costo dell‟investimento ammissibile realizzato da giovani agricoltori in altre zone;
  •  fino al 35% del costo dell‟investimento ammissibile realizzato da altri agricoltori in altre zone.