Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli - PSR - Marche

Anagrafica Misura
Regione: 
Marche
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR Marche - Versione Dicembre 2012

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura contribuisce al raggiungimento dell’obiettivo della tutela e del miglioramento del paesaggio rurale marchigiano, della riduzione dei rischi di erosione e dissesto idrogeologico e del miglioramento e della valorizzazione degli ecosistemi con particolare riferimento nelle aree Natura 2000.

La misura mira al perseguimento dei seguenti obiettivi:

  • salvaguardare il suolo dai rischi di erosione e dissesto idrogeologico e tutelare la qualità delle acque superficiali;
  • salvaguardare ed implementare la biodiversità presente nei terreni agricoli, specie nelle aree agricole ad alto valore naturalistico;
  • tutelare e valorizzazare, in termini di pubblica utilità, le zone Natura 2000.
Interventi ammissibili: 

Sono ammissibili i seguenti interventi:

  • AZIONE A
    Investimenti connessi all’adempimento degli impegni assunti con la misura agroambientale 2.1.4. del presente programma sottomisura c), azioni a) e c), finalizzate alla riduzione dell’erosione superficiale ed alla tutela delle acque superficiali e profonde.
  • AZIONE B
    Investimenti aziendali finalizzati alla valorizzazione in termini di pubblica utilità delle aree Natura 2000 regionali finalizzati a garantire o ripristinare le condizioni ambientali favorevoli alla conservazione di specie e di habitat relativi alla rete Natura 2000.
    Ripristino di elementi di interconnessione tra siti protetti che permettano il movimento diretto o indiretto di specie animali e vegetali, al fine della colonizzazione di nuovi habitat e dello scambio genetico tra popolazioni diverse

 

  • impianto di alberature in filare unico (ad es. di confine, lungo i fossi di scolo, gli arginelli, le strade poderali ed interpoderali, le strade di accesso all’abitazione, nelle localizzazioni marginali);
  • impianto di siepi di specie autoctone (olmo campestre, acero campestre, ligustro, corniolo, sanguinella, biancospino ecc.);
  • impianto di gruppi di specie forestali autoctone arboree, eventualmente consociate con arbustive del piano, tesi a ricreare macchie e boschetti in terreni agricoli o sul demanio pubblico anche lungo la rete idrografica minore
Destinazione
Destinatari: 

Imprenditori agricoli singoli e associati.

Aree territoriali di riferimento: 

Gli interventi di cui alla lettera a) sono applicabili nelle aree a rischio di erosione superficiale individuate dalla specifica cartografia regionale e nelle aree ZVN;

Gli interventi di cui alla lettera b) sono realizzati all’interno delle aree Rete Natura 2000
 

Comparti: 
14. Interventi agroforestali non produttivi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali
AZIONE A

  • Azioni di salvaguardia e riqualificazione del paesaggio rurale attraverso il ripristino e l’implementazione delle formazioni vegetali lineari quali: siepi, filari poderali e interpoderali; fasce di rispetto inerbite e piantumate, di strade e corsi d’acqua, con funzione antierosiva e fitodepurante

AZIONE B

  • Impianto di alberature in filare unico (ad es. di confine, lungo i fossi di scolo, gli arginelli, le strade poderali ed interpoderali, le strade di accesso all’abitazione, nelle localizzazioni marginali);
  • Impianto di siepi di specie autoctone (olmo campestre, acero campestre, ligustro, corniolo, sanguinella, biancospino ecc.);
  • Impianto di gruppi di specie forestali autoctone arboree, eventualmente consociate con arbustive del piano, tesi a ricreare macchie e boschetti in terreni agricoli o sul demanio pubblico anche lungo la rete idrografica minore.


Investimenti immateriali

  • Onorari di consulenti progettisti per la realizzazione di studi di fattibilità e per la progettazione degli investimenti materiali.


Soglie e massimali di spesa
Importo massimo investimenti immateriali 8% degli investimenti materiali.

 

Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale

  • 100% degli investimenti ammissibili.