Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.2 Primo impianto di sistemi agro-forestali su terreni agricoli - PSR - Lazio

Anagrafica Misura
Regione: 
Lazio
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR Lazio - Versione Ottobre 2012

Responsabile della Misura: 

M.M. Madonia
Tel 06.51685674
Fax 06.51683332      
E-mail mmadonia@regione.lazio.it
A. Palozzi
Tel 06.51684460 
Fax 06.51683503    
E-mail apalozzi@regione.lazio.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura prevede la realizzazione di sistemi agro-forestali estensivi su terreni agricoli attraverso l'impianto di essenze arboree forestali.
Gli obiettivi che si intendono perseguire sono i seguenti:

  • migliorare il paesaggio rurale;
  • garantire una maggiore difesa del suolo;
  • diversificazione del reddito agricolo.

L’abbinamento di silvicoltura e agricoltura estensiva dovrebbe consentire il raggiungimento di una elevata funzionalità ecologica, economica e sociale.

Interventi ammissibili: 
Gli interventi ammissibili riguardano la creazione di sistemi agro-ambientali attraverso le seguenti azioni:
  • Tipologia a) impianti di latifoglie a ciclo medio - lungo per la produzione di legname di pregio su terreni agricoli seminativi
  • Tipologia b) impianti di essenze arboree fruttifere silvicole autoctone (non innestate), utilizzando le essenze vegetali riportate in allegato, compresa la messa a dimora di piantine micorrizzate, per la creazione di pascoli arborati su seminativi e prati non avvicendati.

Gli interventi ammissibili per la realizzazione di sistemi agroforestali sono i seguenti:

  • lavori di preparazione e sistemazione del terreno;
  • concimazioni;
  • tracciamento filari;
  • acquisto, trasporto, preparazione e messa a dimora delle piante;
  • lavori complementari (recinzioni, pacciamature, protezione delle piantine.

Non sono ammessi i seguenti interventi:

  • impianti di alberi natalizi
  • impianti che eliminano fasce ecotonali, sede di colonizzazione di specie legnose autoctone, arbustive ed arboree in qualunque stadio evolutivo.

La superficie minima del sistema agro-forestale è pari a 1 ettaro di superficie agricola utilizzata, nel caso di un corpo unico, ed a 2 ettari nel caso di più corpi (la dimensione minima di un corpo non potrà essere inferiore a 0,5 ettari di SAU).
Ciascuna azienda può realizzare sistemi agro-forestali fino ad un massimo di 30 ettari annui.

Destinazione
Destinatari: 

Imprenditori agricoli, singoli o associati.

Il sostegno per la realizzazione di sistemi agro-forestali su superfici agricole non viene accordato ad agricoltori che beneficiano del sostegno al prepensionamento.
 

Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Tuttavia sono individuate le seguenti priorità:

  • Aree B “Aree Rurali ad agricoltura intensiva specializzata” e A “Poli urbani” per tutte le tipologie di
    impianto;
  • Siti delle rete Natura 2000 e le aree incluse nel sistema delle aree protette regionali.
Comparti: 
10. Forestale
10.2 Silvicoltura
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali

  • lavori di preparazione e sistemazione del terreno;
  • concimazioni;
  • tracciamento filari;
  • acquisto, trasporto, preparazione e messa a dimora delle piante;
  • lavori complementari (recinzioni, pacciamature, protezione delle piantine.

Investimenti immateriali

  • spese generali e di progettazione: onorari di consulenti, studi di fattibilità, etc.

Soglie e massimali di spesa

  • Le spese generali e di progettazione quali onorari di consulenti (agronomi, forestali, ecc.) studi di fattibilità, sono ammissibili per un massimo pari al 12% degli investimenti realizzati.
  • Investimento massimo ammissibile: 1 milione di €

Le spese di primo impianto non possono superare il massimale di:

  • 1700 euro/ha per la tipologia a);
  • 2200 euro /ha per la tipologia b).
     
Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale

L’intensità dell’aiuto sarà pari a:

  • 80% del costo dell’investimento ammissibile nelle zone montane, nelle zone caratterizzate da svantaggi naturali e nei siti di cui alle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE;
  • 70% del costo dell’investimento ammissibile nelle altre zone.

Elenco zone svantaggiate e montane

Contributo max concedibile: 200.000€

Contributo soggetto al regime “de minimis”.