Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.7 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale - PSR - Molise

Anagrafica Misura
Regione: 
Molise
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

Modalità attuativa Settembre 2012 (PSR  VII^ Versione ).

Responsabile della Misura: 

Sozio Lucio

Oggetto
Descrizione e finalità: 

Sostenere interventi per la salvaguardia degli ecosistemi forestali, la conservazione ed incremento della biodiversità e la difesa della stabilità del suolo, mediante il finanziamento di investimenti con finalità ambientali ed ecologiche e che non comportano ritorni economici per proprietari e gestori delle aree boschive interessate.

Gli obiettivi operativi dell’azione sono:
1. realizzazione di investimenti selvicolturali volti a valorizzare le aree forestali ed a favorire la fruizione delle stesse;
2. realizzazione di investimenti forestali nelle aree sensibili volti alla rinnovazione naturale del bosco e allo sviluppo equilibrato della fauna selvatica;
3. realizzazione di investimenti per la diversificazione della struttura forestale e la conservazione della biodiversità.
 

Interventi ammissibili: 

Interventi finalizzati al raggiungimento dei seguenti obiettivi ambientali:

  • miglioramento strutturale e funzionale dei soprassuoli forestali esistenti;
  • conservazione e miglioramento della biodiversità;
  • potenziamento della stabilità bio-ecologica dei popolamenti forestali con funzioni protettive;
  • protezione del suolo dall’erosione, miglioramento della funzione di assorbimento della CO2 per il contrasto dei cambiamenti climatici;

Investimenti forestali non produttivi ai fini della valorizzazione dei boschi in termini di pubblica utilità, finalizzati a favorire il ruolo multifunzionale delle aree forestali e favorirne l’uso a scopi ricreativi, turistici e sociali.

Destinazione
Destinatari: 

Possono beneficiare del sostegno di cui al presente bando i detentori di foreste e zone boschive che realizzano investimenti non remunerativi ed in particolare:
• autorità pubbliche: Regione, Comuni e loro associazioni (comunità montane ed unioni di comuni);
• amministrazione separata per gli usi civici di cui alla legge 16 giugno 1927, n. 1766;
• enti gestori di aree protette;
• soggetti privati (persone fisiche e loro associazioni; persone giuridiche di diritto privato e loro associazioni).
 

Aree territoriali di riferimento: 
  • La Misura è attiva su tutto il territorio regionale, con esclusione della macro area “A”: Poli Urbani (Campobasso, Isernia)
     
Comparti: 
14. Interventi agroforestali non produttivi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 
  1. Sfolli in giovani impianti, diradamenti eseguiti in fustaie, avviamento all’alto fusto di cedui invecchiati, disetaneizzazione di fustaie coetanee, rinaturalizzazione di fustaie di conifere; trattasi di investimenti non produttivi in boschi che non consentono un profitto economico e finanziati una sola volta per la medesima superficie.
  2. Ricostituzione di aree aperte all’interno dei boschi al fine di aumentare la variabilità spaziale e la biodiversità naturalistica e paesaggistica;
  3. Realizzazione o ripristino di muretti a secco, piccole opere di canalizzazione e regimazione delle acque, anche al fine delle creazione di microambienti per la salvaguardia di specie rupestri;
  4. Interventi di ricostituzione e miglioramento della vegetazione ripariale, volti all’aumento della stabilità degli argini, all’affermazione e/o diffusione delle specie ripariali autoctone;
  5. Realizzazione e/o ripristino di stagni, laghetti e torbiere all’interno di superfici forestali.
  6. Creazione e la sistemazine di sentieri
  7. Realizzazione e ripristino di piazzole di sosta, aree picnic
  8. Ristrutturazione di bivacchi e rifugi forestali

Esclusioni e limitazioni
 

L’aliquota massima ammissibile per le spese generali è fissata al 10%.

L’IVA non è ammissibile a contributo, salvo che nel caso di IVA non recuperabile se realmente e definitivamente sostenuta da beneficiari diversi da soggetti non passivi di cui all’art. 4, paragrafo 5, primo comma, della sesta direttiva 77/388/CEE del consiglio del 17 maggio 1977.
 

Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale. Possono essere corrisposti degli anticipi per un importo non superiore al 20 % della spesa pubblica ammissibile, a seguito di una garanzia fidejussoria di importo pari al 110% dell’anticipo concesso.

Per soggetti privati:
1. Contributo per investimenti realizzati in zone svantaggiate (montagna)

  • 80% dell’investimento ammissibile

2. Contributo per investimenti realizzati in altre zone

  • 70% dell’investimento ammissibile