Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli - PSR - Molise

Anagrafica Misura
Regione: 
Molise
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

Modalità attuativa Settembre 2012 (PSR  VII^ Versione ).

Responsabile della Misura: 

Reale Tito

Oggetto
Descrizione e finalità: 

-Conseguire l’ obiettivo specifico relativo alla “Conservazione della biodiversità, tutela e diffusione di sistemi agro-forestali ad alto valore naturalistico”. Indirettamente la misura favorisce il perseguimento dell’ obiettivo “Miglioramento  dell'attrattività dei territori rurali per le imprese e le popolazioni” in relazione agli effetti che si ci attende sulla qualità del paesaggio e degli habitat  agro-forestali regionali e quindi della loro migliore capacità di fungere da attrattori turistici.

-Salvaguardare e valorizzare la biodiversità di specie e habitat dei territori agricoli e forestali;
- Favorire una corretta gestione delle aree della Rete Natura 2000;
- Conservare e mantenere la funzionalità del sistema idrico costituito da elementi naturali e seminaturali per consentire lo scambio delle acque interne con quelle esterne e garantire la continua movimentazione e circolazione delle stesse sull’intera superficie delle zone umide;

-Realizzazione di investimenti non produttivi finalizzati al ripristino degli elementi naturali e seminaturali caratteristici del paesaggio agrario.

Interventi ammissibili: 
  • A) Investimenti finalizzati alla creazione/Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario;
  • B) Investimenti finalizzati creazione e ripristino di muretti a secco e terrazzature in zone collinari e montane;
  • C) Investimenti finalizzati alla creazione di fasce tampone vegetate lungo i corsi d’acqua e miglioramento della naturalità di canali di bonifica ed irrigui, per il miglioramento del paesaggio rurale e la creazione di corridoi ecologici;
  • D) Inestimenti finalizzati alla costituzione e riqualificazione di zone umide
  • E) investimenti aziendali non produttivi in aree Natura 2000.

 
 

Destinazione
Destinatari: 
  • Imprenditori agricoli singoli o associati
Aree territoriali di riferimento: 

La misura è attiva su tutto il territorio regionale (ad esclusione della macro area “Poli urbani”), in forma differenziata per singola tipologia come di seguito:

Tipologia di intervento Macroarea
A) Investimenti finalizzati alla creazione/Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario D1, D2, D3 con priorità nelle Aree natura 2000
B) Investimenti finalizzati creazione e ripristino di muretti a secco e terrazzature in zone collinari e montane Macroaree D2, D3 con priorità nelle Aree natura 2000
C) Investimenti finalizzati alla creazione di fasce tampone vegetate lungo i corsi d’acqua e miglioramento della naturalità di canali di bonifica ed irrigui, per il miglioramento del paesaggio rurale e la creazione di corridoi ecologici Aree natura 2000 ricadenti nelle macroaree D1, D2, D3;
D) Inestimenti finalizzati alla costituzione e riqualificazione di zone umide Aree natura 2000 ricadenti nelle macroaree D1, D2, D3
E) investimenti aziendali non produttivi in aree Natura 2000 Aree natura 2000 ricadenti nelle macroaree D1, D2, D3.

Territorializzazione_molise.pdf

Comparti: 
14. Interventi agroforestali non produttivi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Spese necessarie per la realizzazione delle seguenti tipologie di investimento:

A) Investimenti finalizzati alla creazione/Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario:

  • Siepe arbustive e alberate.
  • Boschetti occupati da vegetazione arborea e/o arbustiva.
  • Stagni laghetti e bacini per la fitodepurazione delle acque.
  • Piantumazione di specie arboree o arbustive appartenenti alla flora autoctona.
  • Piantumazione di specie erbacee acquatiche idrofite nei bacini per la fitodepurazione.
  • La realizzazione i una fscia di rispetto circostante le sponde dei laghett, stagni.

B) Investimenti finalizzati creazione e ripristino di muretti a secco e terrazzature in zone collinari e montane:

  • Ripristino e rifacimento di muretti a secco e terrazzamenti effettubile con materiale reperibile sul posto

C) Investimenti finalizzati alla creazione di fasce tampone vegetate lungo i corsi d’acqua e miglioramento della naturalità di canali di bonifica ed irrigui, per il miglioramento del paesaggio rurale e la creazione di corridoi ecologici;

  • Sostituzione di opere di contenimento e/o canalizzazione rigide "

D) Inestimenti finalizzati alla costituzione e riqualificazione di zone umide.

  • Creazione di manufatti idraulici
  • Risagomatura delle sponde e dei fondali
  • Ripristino e controllo della veggetazione palustrale
  • Ripristino e/o conservazione di collegamenti con siepi e filari tra la zona umida considerata e altri biotipi presenti nell intorno o l asta fluviale principale

E) investimenti aziendali non produttivi in aree Natura 2000.

  • Realizzazione e ristrutturazione di sentieri epiazzole per escursioni naturalistiche
  • Realizzazione di cartellonistica
  • Schermatura finalizzate a mitigare il disturbo sulla fauna
  • Punti di osservazione per bird watching
  • Struttutre per la gestione della fauna selvatica finalizzate a garantire la coesistenza con le attività produttive agro-forestali
Intensità dell'aiuto: 

L’ intensità dell’aiuto per i costi di investimento è la seguente:

  • 80% del costo dell’ investimento ammissibile nel caso di investimenti realizzati da soggetti privati e ricadenti nelle zone montane, nelle zone caratterizzate da svantaggi naturali e nei siti di cui alle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE;
  • 70% del costo dell’ investimento ammissibile nel caso di investimenti realizzati da soggetti privati e ricadenti nelle altre zone.