Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.3 Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali - PSR - Molise

Anagrafica Misura
Regione: 
Molise
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Azione: 
1) Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli
Fonti: 

Modalità attuativa Settembre 2012 (PSR  VII^ Versione ).

Responsabile della Misura: 

Pitassi Giuseppe

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura mira a sostenere i processi di modernizzazione e innovazione dei settori agro-alimentari, migliorando la capacità tecnologica delle imprese è favorendo un maggiore coordinamento lungo le principali filiere produttive. La misura contribuisce direttamente al proseguimento degli obbiettivi specifici : "Consolidamento e sviluppo della qualità delle produzioni agricole e Promozione dell' ammodernamento e dell' innovazione nelle imprese.

Interventi ammissibili: 

Sono ammissibili a sostegno le spese per investimenti materiali di tipo immobiliare e
mobiliare quali:

- realizzazione di opere civili: acquisizione, costruzione, adeguamento e/o ristrutturazione dei fabbricati utilizzati nelle attività di lavorazione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti, stoccaggio delle scorte (compresi punti vendita aziendali e sale per la degustazione in azienda);

- acquisto, o adeguamento tecnologico, di impianti, macchinari ed attrezzature legati alle attività di lavorazione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti, compresi impianti per l’auto-produzione di energia commisurata al fabbisogno aziendale basati sull’impiego di fonti rinnovabili nel limite massimo di 1 MW di potenza;

- acquisto di macchine, attrezzature e veicoli per il trasporto delle materie prime
al primo centro di lavorazione, per i prodotti lavorati (ad esclusione delle motrici)
e per il miglioramento della logistica aziendale delle produzioni;

 per investimenti immateriali in quanto funzionali e direttamente , connessi agli investimenti di cui al punto precedente, quali:
- acquisizione di know-how;
- spese propedeutiche all’introduzione iniziale e/o l’implementazione di sistemi di
qualità alimentare riconosciuti non obbligatori (ISO, EMAS, ecc.), esclusi i costi per il rilascio della certificazione;
- realizzazione di sistemi di gestione della qualità e della tracciabilità delle produzioni
- acquisizione di know-how;
- acquisto di brevetti e licenze e dell’acquisto di software di gestione;
- onorari di professionisti e consulenti, studi di fattibilità.

 

 

Per rispettare le demarcaziono  con le OCM sono fissate le seguenti limitazioni settoriali:

Settore limitazioni
Ortofrutta

Non sono ammessi limitatamente alle strutture socie delle OP e alle stesse OP  gli investimenti nel campo della prima lavorazione confezionamento , stoccagio catena del freddo.

 

Olivicolo

Non sono ammessi limitatamente alle O.P gli investimenti che riguardano:

  • valorizzazione dei residuii di produzione
  • costituzione di laboratori di analisi
  • investimenti materiali per la ristrutturazione
  • adeguamento ed ammodernamento della fase di magazzino
  • ricerche di mercato
  • azioni finalizzate alla tracciabilità certificazione e tutela della qualità dell' olio di oliva e delle olive da tavola
Vitivinicolo Non sono ammessi finanziamenti per la riconversione e ristrutturazione dei vigneti

 

Destinazione
Destinatari: 
  • Piccole, medie e microimprese che svolgono attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli
Aree territoriali di riferimento: 

Interio territorio regionale

Comparti: 
1. Seminativi
2. Riso e cereali minori
3. Barbabietola
5. Ortofrutta
6. Zootecnia
7. Olivicoltura
8. Viticoltura
9. Apicoltura
11. Florovivaismo
13. Energie rinnovabili
15. Altre produzioni comprese nell'Allegato I del Trattato
Comparto speciale: 
Filiera produzioni industriali( miglioramento degli standard qualitativi dei prodotti lavorati e trasformati)
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

 investimenti materiali :

  • Realizzazione di opere civili
  • Acquisto, o adeguamento tecnologico, di impianti, macchinari ed attrezzature legati alle attività di lavorazione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti, compresi impianti per l’auto-produzione di energia commisurata al fabbisogno aziendale, basati sull’impiego di fonti rinnovabili nel limite massimo di 1 MW di potenza;
  • Acquisto di macchine, attrezzature e veicoli per il trasporto delle materie prime al primo centro di lavorazione, per i prodotti lavorati (ad esclusione delle motrici) e per il miglioramento della logistica aziendale delle produzioni;

investimenti immateriali:

  • Acquisizione di know-how;
  • Spese propedeutiche all’introduzione iniziale e/o l’implementazione di sistemi di qualità alimentare, riconosciuti non obbligatori (ISO, EMAS, ecc.), esclusi i costi per il rilascio della certificazione;
  • Realizzazione di sistemi di gestione della qualità e della tracciabilità delle produzioni
  • Acquisto di brevetti e licenze e dell’acquisto di software di gestione;
  • Onorari di professionisti e consulenti, studi di fattibilità.
     

Esclusioni e limitazioni

  • Acquisto di terreni, oltre il limite del 10% del totale delle spese ammissibili.
  • Nel caso di ricorso a contratti di leasing con obbligo di acquisto, i costi connessi al contratto di leasing, quali il margine del locatore, i costi di rifinanziamento, costi indiretti ed assicurativi, non sono considerati spesa ammissibile
  • Costruzione di strutture e acquisto di attrezzature non strettamente funzionali ad un processo innovativo aziendale;
  • Acquisto di sole motrici per trasporto;
  • Investimenti destinati ad adeguamenti a normative cogenti i cui termini di regolarizzazione risultino scaduti;
  • Investimenti nel caso di utilizzo di materie prime - varietà o specie - modificate transgenicamente vietate dai Regolamenti Comunitari o da Leggi Nazionali e Regionali;
  • Investimenti a finalità di semplice sostituzione.

La quota complessiva delle spese per investimenti immateriali, comprensiva anche delle spese generali (massimo 12%), non può superare il 25% dell’intero investimento.
Gli investimenti riguardanti l’utilizzo di rifiuti e/o sottoprodotti per finalità energetiche devono essere funzionali ad attività di lavorazione, trasformazione, conservazione e commercializzazione di prodotti sia in entrata che in uscita, e l’energia prodotta deve essere totalmente reimpiegata nell ambito dei processi produttivi.

Intensità dell'aiuto: 

L‟aiuto concesso nella presente misura sarà erogato sottoforma di contributo in conto capitale.
L’intensità dell’aiuto è pari al 40% delle spese ammissibili per imprese rientranti nella definizione di Piccole e medie imprese e di Microimprese.