Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.2 Accrescimento del valore economico delle foreste - PSR - Molise

Anagrafica Misura
Regione: 
Molise
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Fonti: 

Modalità attuativa Settembre 2012 (PSR  VII^ Versione ).

Responsabile della Misura: 

Reale Tito

Oggetto
Descrizione e finalità: 

Gli interventi previsti nella misura sono finalizzati al consolidamento ed allo sviluppo economico ed al miglioramento della competitività del sistema agroforestale regionale. L’accrescimento del valore economico delle foreste è perseguito mediante azioni finalizzate al miglioramento quanti-qualitativo delle produzioni forestali ed il conseguente potenziamento e diversificazione degli sbocchi di mercato;
tali azioni sono dirette a favore delle aziende forestali private e delle proprietà
comunali boschive.

Obiettivi specifici

  • Incentivare la realizzazione di interventi selvicolturali finalizzati al miglioramento quantitativo e qualitativo della produzione di assortimenti  legnosi e connessi, rispetto al loro utilizzo artigianale, industriale ed  energetico;
  • Incentivare la creazione di nuove imprese boschive locali e/o l’adeguamento di imprese esistenti;
  • Incentivare interventi strutturali nelle superfici boscate finalizzati  all’aumento del valore delle produzioni forestali
Interventi ammissibili: 

Investimenti materiali riferiti alle seguenti azioni ed interventi:


a) conversioni di boschi cedui in alto fusto (interventi di conversione da bosco ceduo a bosco di alto fusto che comportano una modifica permanente della struttura del bosco per la produzione di assortimenti legnosi di maggior pregio e valore tecnologico. Tali interventi, configurabili come “tagli di avviamento”, comprendono le operazioni di individuazione delle piante da conservare, abbattimento, allestimento, smacchio ed esbosco) escluso il rimboschimento su taglio raso;

b) interventi finalizzati al miglioramento del soprassuolo forestale consistenti
in interventi selvicolturali da realizzarsi una sola volta nel corso del periodo di
programmazione(tagli di diradamento selettivo, infittimenti) finalizzati ad
incrementare la produttività dei soprassuoli nel quadro di una gestione forestale
sostenibile perseguendo nel contempo l’arricchimento della diversità specifica
finalizzato alla valorizzazione qualitativo sul piano tecnologico e naturalisticoambientale;

c) trasformazione di popolamenti artificiali: esecuzione di tagli straordinari, da realizzarsi una sola volta nel corso del periodo di programmazione, volti a modificare la composizione specifica di popolamenti artificiali quali, ad esempio, rimboschimenti di conifere, per favorire lo sviluppo di specie autoctone di maggior pregio e valore tecnologico (sono comunque esclusi gli interventi di taglio che configurano utilizzazioni finali del soprassuolo) escluso il rimboschimento su taglio raso;

d)realizzazione ed adeguamento di investimenti aziendali relativi a viabilità forestale, quali strade forestali, piste forestali, imposti permanenti (sono ammissibili esclusivamente i nuovi interventi e le manutenzioni straordinarie alle strutture suddette);

e) acquisto di macchine ed attrezzature per le utilizzazioni forestali finalizzate ad una o più delle seguenti operazioni: taglio, allestimento, esbosco; Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Molise 330


f) acquisto di macchine ed attrezzature per interventi di primo trattamento in foresta dei prodotti legnosi e dei sottoprodotti forestali, finalizzate alla predisposizione di assortimenti per gli utilizzi artigianali, industriali e energetici;

g) acquisto di dispositivi di protezione individuale e di sicurezza, ammissibili solo per attività ex novo, ovvero per l’incremento delle dotazioni di attività esistenti (sono pertanto escluse gli investimenti di semplice sostituzione di macchinari ed attrezzature già in dotazione ai beneficiari).

Investimenti immateriali riferiti esclusivamente ad attività direttamente connesse e funzionali agli investimenti materiali ammessi al finanziamento, con particolare riferimento alle seguenti tipologie:

  • spese propedeutiche alla certificazione forestale: Forest stewardship council (FSC) e Pan European Forest Certification (PEFC)
  • acquisizione di know-how;
  • acquisto di soft ware;
  • onorari di professionisti e consulenti, studi di fattibilità connessi col progetto presentato.

Le spese per investimenti immateriali non possono superare il 25% degli investimenti
materiali, comprensive delle spese generali

Durata degli impegni:
• dieci anni beni immobili;
• cinque anni macchine ed attrezzature.

Destinazione
Destinatari: 
  • ditte boschive, detentori, in base a legittimo titolo in grado di assumere gli impegni pluriennali previsti dalla misura, della gestione complessiva del bosco (esclusivamente per boschi di proprietà privata o proprietà comunale) limitatamente alle tipologie di investimento indicate alle lettere e), f) e g);
  • per tutte le tipologie di investimento previste, a Soggetti privati (cooperative e consorzi forestali, aziende forestali singole o associate) e a Soggetti pubblici (Comuni e loro associazioni), proprietari o detentori in base a legittimo titolo di “foreste” e “zone boschive” , per boschi di proprietà privata o proprietà comunale
Aree territoriali di riferimento: 

Territorio regionale macro aree D2 “Collina rurale” e D3 “Aree montane

Territorializzazione_molise.pdf
 

Comparti: 
10. Forestale
10.1 Arboricoltura da legno
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Le spese ammissibili per gli investimenti sono rappresentate:

-per gli interventi riconducibili alla tipologia a), i costi “effettivi” dell’intervento risultanti dal computo metrico-estimativo allegato alla progettazione, redatto in conformità al prezziario regionale in vigore, dal quale si evincano chiaramente i costi per l’esecuzione delle singole attività ed i ricavi derivanti dalla valorizzazione del materiale legnoso detraibile dal taglio (secondo criteri analitici che saranno definiti dagli strumenti attuativi della misura);
- per gli interventi riconducibili alla tipologia b), i costi quantificati sulla base di un preventivo di fornitura selezionato da almeno tre preventivi raccolti da Ditte fornitrici delle attrezzature e macchinari di che trattasi;
- per gli interventi sub c) e d), i costi quantificati nel documento progettuale allegato alla domanda di aiuto; in ogni caso, i singoli progetti dovranno attenersi alle indicazioni su massimali di spesa ammissibile individuati dalla Regione.


Le spese ammissibili potranno comprendere una voce di spese generali, relativamente alle spese tecniche di progettazione, studio per la valutazione di incidenza, spese di direzione lavori, di collaudo, spese per ulteriori eventuali attività di studio/ricerca occasionate dalla progettazione dell’intervento (ad esempio indagini pedologiche, floristiche, ecc.).

 

Esclusioni e limitazioni

Limiti di superficie:
per investimenti materiali della tipologia c):
• < 3 ettari;
• > 20 ettari;
per altri investimenti:
• >100 ettari

  • Non sono ammesse le rigenerazioni artificiali a seguito di definitivi tagli a raso.
  • Gli investimenti devono essere conformi con le norme comunitarie, nazionali e regionali con particolare attenzione a quelle in materia di inquinamento, sicurezza, ambientali.
  • Sono escluse gli interventi su:
    - terreni che siano prevalentemente destinati ad uso agricolo o aventi
    destinazione d’uso urbana;
    - gli alberi nei giardini e parchi in aree urbane;
    - foreste o altre superfici di proprietà del governo centrale e regionale, oppure appartenenti a società controllate dallo Stato; Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Molise 332
    - foreste appartenenti a persone giuridiche, di cui almeno il 50% del
    capitale sia detenuto da una delle istituzioni di cui al punto precedente.
  • I beneficiari pubblici e privati hanno l'obbligo di rispettare gli impegni di condizionalità relativi a criteri di gestione obbligatori e a norme di buone pratiche forestali e silvicolturali definiti dalla Regione
  • La concessione del sostegno agli investimenti finalizzati alla tipologia "Miglioramento forestale", per  aziende forestali al di sopra di 100 ettari, è condizionata dalla presenza di un piano di gestione che interessi la superficie oggetto di intervento redatta in conformità alla vigente normativa di settore

L’IVA non è ammissibile a contributo, salvo che nel caso di IVA non recuperabile se realmente e definitivamente sostenuta da beneficiari diversi da soggetti non passivi di cui all’art. 4, paragrafo 5, primo comma, della sesta direttiva 77/388/CEE del consiglio del 17 maggio 1977.

Soglie minime e massimali di spesa

  • Spesa massima ammissibile: € 500.000,00
  • Spesa minima ammissibile: € 20.000,00 (ad esclusione degli investimenti materiali d), e), f) per i quali non è prevista la spesa minima ammissibile).
  • Investimenti immateriali (non superiori al 25% degli investimenti materiali, comprensive delle spese generali)
Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale calcolato sulla spesa ammissibile.


Contributo per investimenti realizzati in zone svantaggiate e nella Rete Natura 2000:

  • 60% dei costi sostenuti. Nel caso degli investimenti materiali d), e) ed f), si fa riferimento alla proprietà/detenzione delle foreste e/o zone boschive.

Contributo per investimenti realizzati in altre zone:

  • 50% dei costi sostenuti per la realizzazione dell’intervento negli altri territori. Nel caso degli investimenti materiali d), e) ed f), si fa riferimento alla proprietà/detenzione delle foreste e/o zone boschive.