Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.7 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale - PSR - Lazio

Anagrafica Misura
Regione: 
Lazio
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR Lazio - Versione Ottobre 2012

Responsabile della Misura: 

V. Cardarello  
Tel 06.51689229  
Fax 06.510779252     
E-mail vcardarello@regione.lazio.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura vuole favorire una gestione multifunzionale del territorio, assicurando un migliore assetto ecologico ed idrogeologico ed esaltando il valore sociale, ricreativo, turistico degli ecosistemi forestali

Gli obiettivi operativi perseguiti sono:

  • promuovere una razionale gestione dei boschi nell’ambito di un uso sostenibile delle foreste;
  • accrescere in misura significativa il valore ecologico e sociale delle foreste attraverso idonei investimenti;
  • promuovere la cura dei terreni forestali abbandonati per scopi protettivi, ecologici e turistici, limitando i rischi di incendio e favorendo efficienza ed evoluzione dell'ecosistema forestale. 
Interventi ammissibili: 

Sono ammissibili al sostegno i seguenti interventi:

Tipologia a) Investimenti intesi a valorizzare la pubblica utilità delle foreste

  1. Ripristino funzionale e realizzazione di arredi delle aree interne ai boschi destinate ad uso ricreativo, ivi compresi gli investimenti per l’adeguamento del soprassuolo forestale alla fruibilità turistica, didattica e culturale il ripristino e la realizzazione di manufatti ed arredi nei siti ricreativi, la dotazione di cartellonistica e segnaletica a carattere didattico, divulgativo, culturale e disciplinare e la realizzazione, adeguamento e/o ripristino di percorsi didattico-ricreativi-culturali in ambiente forestale, attraverso modalità di realizzazione basate su criteri naturalistici.

Per la tipologia a), sono ammissibili gli investimenti effettuati in boschi muniti di Piani di Gestione ed Assestamento Forestale che individuino la presenza di siti ricreativi e/o percorsi didattico-ricreativi-culturali dismessi che debbono essere ripristinati, o da realizzare ex-novo.

Tipologia b) Investimenti intesi alla valorizzazione ambientale delle foreste

  1. Conversione ed avviamento di boschi cedui in alto fusto, oppure, sempre per il soprassuolo governato a ceduo, la loro trasformazione in ceduo composto o a sterzo, nonché la trasformazione di fustaie coetanee in fusto disetanee; diradamenti dei soprassuolo artificiale ai fini della loro rinaturalizzazione spontanea;
  2. Salvaguardia di aree boscate di particolare valore ambientale, da interdire all’uso turistico ricreativo, tramite la realizzazione di recinzioni che assicurino comunque la mobilità della fauna selvatica.

Per la tipologia b), sono ammissibili gli investimenti effettuati in boschi muniti di Piani di Gestione ed Assestamento Forestale approvato, oppure già presentato agli Uffici competenti per l’approvazione.
 

Destinazione
Destinatari: 

Soggetti pubblici e privati, singoli o associati.

Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Comparti: 
14. Interventi agroforestali non produttivi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti finalizzati a:

  • valorizzare la pubblica utilità delle foreste
  • valorizzazione ambientale delle foreste

Le spese generali e di progettazione quali onorari di consulenti (agronomi, forestali, architetti, ingegneri, ecc.) studi di fattibilità, sono ammissibili per un massimo pari al 12% degli investimenti realizzati.

Intensità dell'aiuto: 

L'intensità dell'aiuto è pari a:

  • 80% della spesa ammissibile per i privati;
  • 100% della spesa ammissibile per gli Enti pubblici.