Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori - PSR - Lazio

Anagrafica Misura
Regione: 
Lazio
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Fonti: 

PSR Lazio - Versione Ottobre 2012

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura è orientata a favorire il ricambio generazionale nella gestione delle imprese agricole, incentivando anche il rilancio produttivo delle stesse aziende con la realizzazione di investimenti capaci di incrementare il valore aggiunto delle produzioni agricole ed in particolare di quelle di qualità, aumentare la competitività, migliorare il rendimento globale dell’azienda, promuovere la diffusione e la promozione delle innovazioni.

La misura prevede la corresponsione di un premio che agevoli il primo insediamento dei giovani imprenditori nella conduzione di imprese agricole. L’agevolazione è rafforzata dalla possibilità di copertura dei costi derivanti dal reperimento sul mercato dei capitali necessari all’insediamento.
 

Interventi ammissibili: 

Il premio è relativo all’agevolazione del primo insediamento dei giovani agricoltori nella conduzione di imprese agricole.

L’insediamento è perfezionato nel momento in cui il giovane agricoltore soddisfi tutti i requisiti di seguito riportati:

  • richiesta di iscrizione INPS a fini previdenziali in qualità di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) (art. 1 D. lgs 99/2004 come modificato dall’art. 1 D.lgs 101/2005) o di Coltivatore Diretto;
  • apertura di una posizione/attività IVA;
  • iscrizione alla CCIAA nell’apposita sezione riservata alle imprese agricole;

Nel caso l’insediamento sia effettuato in imprese organizzate in forme societarie dovrà essere dimostrato che al giovane agricoltore sia demandata la responsabilità e la rappresentanza della società medesima e che egli eserciti pieno potere decisionale. Sono ammissibili forme societarie che prevedono la presenza di più giovani aventi pari responsabilità e rappresentanza nella gestione della stessa, fermo restando che l’importo del premio di primo insediamento è limitato a quello previsto per un solo giovane.
Le società dovranno avere una durata di almeno 10 anni.
La singola decisione relativa all’erogazione del sostegno all’insediamento di giovani agricoltori dovrà essere presa non oltre i 18 (diciotto) mesi a decorrere dal momento in cui l’insediamento si è compiuto e comunque non oltre i 18 (diciotto) mesi successivi alla data di avvio delle attività come desumibile dall’apertura della partita IVA.
L’insediamento del giovane agricoltore deve essere perfezionato prima della presentazione della domanda di aiuto inoltrata ai sensi dei bandi pubblici definiti per l’attuazione della misura.

Gli investimenti e le attività previste nel piano aziendale dovranno essere realizzate entro i tre anni successivi alla data in cui è assunta le decisione individuale di concedere l’aiuto, decorsi i quali saranno valutati gli investimenti compiuti e le attività svolte. La mancata rispondenza a quanto indicato nel piano aziendale e nel relativo cronoprogramma comporta la revisione del sostegno accordato sino al recupero totale del premio erogato.
 

Destinazione
Destinatari: 

Giovani imprenditori, che alla data della presentazione della domanda sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • hanno una età superiore a 18 anni ed inferiore a 40 anni e si insediano per la prima volta in una azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.
  • possiedono conoscenze e competenze professionali adeguate;
  • presentano un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola adeguato;
  • che si impegnano al proseguimento dell’attività agricola in qualità di capo azienda per almeno 5 anni dalla decisione individuale di concessione il sostegno.
     
Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Sono attribuite priorità alle imprese ricadenti nelle seguenti aree:

  • Aree C “Aree Rurali intermedie”
  • Aree D “Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo”
Comparti: 
1. Seminativi
2. Riso e cereali minori
4. Tabacco
5. Ortofrutta
6. Zootecnia
7. Olivicoltura
8. Viticoltura
9. Apicoltura
10. Forestale
11. Florovivaismo
15. Altre produzioni comprese nell'Allegato I del Trattato
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Non sono previsti specifici investimenti.
Il premio di insediamento è erogato sulla base della valutazione di un Piano Aziendale di Sviluppo presentato dal proponente.
 

Intensità dell'aiuto: 

Il premio è modulato in funzione del raggiungimento degli obiettivi del Piano aziendale di sviluppo.

Il premio può essere concesso:

  • In conto capitale: importo massimo 40.000 € con possibilità di suddividere il pagamento in 2 soluzioni;
  • In abbuono interessi: importo massimo 30.000 € 

I due contributi sono cumulabili per un importo complessivo massimo di 65.000 €.