Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.3 Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali - PSR - Puglia

Anagrafica Misura
Regione: 
Puglia
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Fonti: 

PSR Puglia - Versione Novembre 2012

Responsabile della Misura: 

Geom. SPECCHIA Cosimo
Sede: Lungomare Nazario Sauro, 45/47 - 70122 BARI
Telefono: 080/5405259
Email: specchiacosimo@libero.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura mira a favorire l’ammodernamento e l’innovazione nelle imprese e l’integrazione delle filiere attraverso il miglioramento delle capacità di trasformazione e commercializzazione.

Gli obiettivi operativi della misura sono i seguenti:

  • valorizzazione dei prodotti agricoli, miglioramento dei processi produttivi, aggregazione delle imprese e dell’offerta, anche in contesto di filiera, con particolare riferimento al settore lattiero-caseario, nel rispetto e tutela delle risorse naturali, del paesaggio e dei contesti socio-economici locali;
  • valorizzazione a fini economico-produttivi delle formazioni forestali esistenti e ammodernamento tecnologico delle imprese forestali, nel rispetto della tutela delle risorse naturali e del paesaggio;
  • sostenere gli investimenti prioritariamente nei comparti e per i prodotti tutelati da sistemi di qualità alimentare.
     
Interventi ammissibili: 

Interventi diretti a migliorare il rendimento globale dell'impresa, anche attraverso l’introduzione di nuove tecnologie e il perseguimento della qualità.
Gli investimenti dovranno essere realizzati in coerenza e coordinamento con le azioni del Piano Forestale Regionale e precisamente relativamente alla linea “3. Mantenimento e promozione delle funzioni produttive delle foreste (prodotti legnosi e non)”.

La misura prevede una dettagliata articolazione degli interventi ammissibili distinti per comparto:
 

Comparto
 
Interventi ammissibili  Esclusioni o limitazioni specifiche 
Cerealicolo
  • Ammodernamento delle strutture di stoccaggio al fine di creare linee di lavorazione dedicate per produzioni differenziate e di qualità
  • Costruzione di molini aziendali
  • Impianti per la produzione e l'utilizzo di energia, esclusivamente aziendale, da fonti energetiche rinnovabili (da biomasse, eolica, solare)
  • Acquisto e installazione di macchinari e attrezzature per migliorare la gestione degli stock
 
Olivicolo da Olio
  • Acquisto e installazione di impianti e attrezzature innovativi per la trasformazione e il confezionamento
  • Realizzazione di impianti per l’utilizzo di biomasse (sottoprodotti di lavorazione) per la produzione di energia ad uso esclusivamente aziendale
  • Impianti per la produzione e l’utilizzo, esclusivamente aziendale, di fonti energetiche alternative
  • Ammodernamento e ampliamento di strutture di trasformazione, di confezionamento e di commercializzazione
  • Acquisto e installazione di impianti e attrezzature per la commercializzazione, di macchine e attrezzature per la movimentazione interna della materia prima e del prodotto lavorato
  • Realizzazione di nuove strutture di trasformazione solo a seguito di dismissione di strutture obsolete, o ai fini della delocalizzazione e fusione di imprese
  • Acquisto ed installazione di macchine ad attrezzature per la gestione del prodotto, dall’ ingresso della materia prima al prodotto finito, con sistemi di marcatura e tracciabilità al fine della certificazione della qualità
L’intervento dovrà riguardare esclusivamente produzioni rientranti in sistemi di qualità alimentare
Ortoflorofrutticolo
  • Acquisto e installazione di linee di lavorazione e confezionamento, di impianti di termoconservazione dei prodotti
  • Acquisto ed installazione di macchine ed attrezzature per la gestione del prodotto, dall’ingresso della materia prima al prodotto finito, con sistemi di marcatura e tracciabilità, al fine della certificazione della qualità;
  • Realizzazione di impianti per l’utilizzo di biomasse (sottoprodotti di lavorazione) per la produzione di energia ad uso esclusivamente aziendale;
  • Impianti per la produzione e l’utilizzo, esclusivamente aziendale, di fonti energetiche alternative
  • Realizzazione, ampliamento e ammodernamento di strutture di lavorazione e/o trasformazione, conservazione, confezionamento e commercializzazione di prodotti ortoflorofrutticoli
  • Acquisto e installazione di macchine ed attrezzature per la movimentazione interna della materia prima ed esterna (macchine isotermiche coibentate) del prodotto lavorato
 
Vitivinicolo
  • Acquisto e installazione di impianti, macchine ed attrezzature per la realizzazione di linee di lavorazione per i vini di qualità
  • Ammodernamento e ampliamento di strutture per la produzione di vini di qualità
  • Acquisto ed installazione di macchine ad attrezzature per la gestione del prodotto, dall’ingresso della materia prima al prodotto finito, con sistemi di marcatura al fine della certificazione della qualità
  • Realizzazione di impianti per l’utilizzo di biomasse (sottoprodotti di lavorazione) per la produzione di energia ad uso esclusivamente aziendale
  • Impianti per la produzione e l’utilizzo, esclusivamente aziendale, di fonti energetiche alternative
  • Ammodernamento e ampliamento di strutture per la commercializzazione del prodotto
  • Acquisto e installazione di macchine ed attrezzature per la movimentazione interna della materia prima e del prodotto lavorato
  • Realizzazione di nuove strutture di trasformazione solo a seguito di dismissione di strutture obsolete o ai fini della delocalizzazione e fusione di imprese
L’intervento dovrà riguardare esclusivamente produzioni rientranti in sistemi di qualità alimentare
Lattiero-caseario
  • Acquisto e installazione di impianti di lavorazione e di macchine ed attrezzature innovative per la trasformazione e il confezionamento dei prodotti
  • Innovazione delle strutture di trasformazione, confezionamento e commercializzazione dei prodotti lattiero caseari
  • Acquisto ed installazione di macchine ad attrezzature per la gestione del prodotto, dall’ingresso della materia prima al prodotto finito, con sistemi di marcatura e tracciabilità, al fine della certificazione della qualità
  • Realizzazione di impianti per l’utilizzo di biomasse (sottoprodotti di lavorazione) per la produzione di energia ad uso esclusivamente aziendale
  • Impianti per la produzione e l’utilizzo, esclusivamente aziendale, di fonti energetiche alternative
  • Acquisto e installazione di impianti e attrezzature per la commercializzazione dei prodotti
  • Realizzazione di nuove strutture di trasformazione solo a seguito di dismissione di strutture obsolete o ai fini della delocalizzazione e fusione di imprese 
 
Zootecnia da carne
  • Realizzazione e innovazione di strutture per la lavorazione delle carni
  • Acquisto e installazione di linee innovative di lavorazione e confezionamento e di impianti di termoconservazione delle carni
  • Acquisto ed installazione di macchine ed attrezzature per la gestione del prodotto, dall’ingresso della materia prima al prodotto finito, con sistemi di marcatura e tracciabilità, al fine della certificazione della qualità
  • Impianti per la produzione e l’utilizzo, esclusivamente aziendale, di fonti energetiche alternative
  • Ampliamento di strutture di prima lavorazione e/o trasformazione, conservazione, confezionamento e commercializzazione delle carni
  • Acquisto e installazione di macchine ed attrezzature per la movimentazione interna della materia prima ed esterna (macchine isotermiche coibentate) del prodotto lavorato
Non sono ammessi investimenti legati alle attività di macellazione ad esclusione della macellazione degli avicunicoli
Silvicolo

Aumento della capacità produttiva attraverso:

  • la costruzione, ristrutturazione ed acquisizione o miglioramento di beni immobili
  • acquisto ed installazione di nuove macchine, impianti ed attrezzature 

 

 

Per aderire alla misura l’impresa deve presentare un “Business plan” contenente la descrizione dettagliata delle caratteristiche strutturali e dei risultati economici dell’impresa, nonché degli investimenti previsti idonei a conseguire il miglioramento del rendimento globale, che sarà valutato in base ai seguenti parametri:

  • miglioramento del rendimento economico dell’impresa;
  • stabilizzazione o incremento della forza lavoro;
  • miglioramento delle performance ambientali;
  • miglioramento delle relazioni commerciali.

Per i beni immobili oggetto di sostegno il beneficiario dovrà mantenere la destinazione d’uso per almeno 10 anni dalla data del provvedimento di totale liquidazione del contributo pubblico e, nel caso di aiuto in conto interessi, dalla data di stipula con l’istituto bancario del contratto definitivo di mutuo a seguito della completa realizzazione degli interventi ammessi.

Per i beni mobili tale limite è fissato ad almeno 5 anni.
 

Destinazione
Destinatari: 

Imprese che svolgono attività di trasformazione e/o di commercializzazione dei prodotti di cui all’Allegato I, e della silvicoltura, esclusi i prodotti della pesca .

Il sostegno non può essere concesso ad imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà.

Beneficiari sono micro, piccole e medie imprese così come definite dalla Raccomandazione 2003/361/CE.
Relativamente ai prodotti della silvicoltura, i beneficiari sono solo le microimprese.
Per aderire alla misura l’impresa deve inoltre rispettare i requisiti comunitari applicabili all’investimento richiesto (ai sensi del Reg. CE 1698/05, art. 28, comma 1, lettera c).
Gli imprenditori soci di Organizzazioni dei Produttori riconosciute non potranno accedere agli aiuti previsti dalla presente misura per gli interventi incentivati nell’ambito dei Programmi Operativi delle citate OP..

Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Comparti: 
1. Seminativi
1.1 Cereali (escluso riso)
5. Ortofrutta
6. Zootecnia
6.1 Lattiero-caseario
6.2 Carni
7. Olivicoltura
8. Viticoltura
10. Forestale
10.2 Silvicoltura
11. Florovivaismo
13. Energie rinnovabili
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali

  • Acquisto e installazione di macchinari, attrezzature e impianti
  • Ammodernamento delle strutture
  • Costruzione, ristrutturazione ed acquisizione o miglioramento di beni immobili (solo per la silvicoltura)

Investimenti immateriali
Sono ammessi, solo se connessi agli investimenti materiali sopra indicati, i seguenti costi:

  • redazione del Business Plan;
  • progettazione, direzione dei lavori e gestione del cantiere;
  • consulenza per l’implementazione di sistemi di tracciabilità e per l’ottenimento di certificazioni di natura volontaria, con esclusione dei costi amministrativi relativi a dette certificazioni, purché strettamente interconnessi con gli investimenti materiali precedentemente descritti;
  • acquisto o l’utilizzo di brevetti e licenze nonché acquisto di software di gestione.

Esclusioni
Sono esclusi dal sostegno:

  • acquisto di dotazioni usate;
  • realizzazione o ammodernamento di fabbricati per uso abitativo e acquisto di relativi arredi;
  • interventi di mera sostituzione, ivi intendendo la semplice sostituzione di un bene con altro bene che rispetto a questi non possegga superiori caratteristiche tecnologiche, innovative, di riduzione dei costi d’uso e dell’eventuale impatto ambientale.

Soglie e massimali

  • Importo minimo d’ investimento: 300.000 euro
  • Importo minimo d'investimento per il settore lattiero-caseario: 100.000 euro se realizzato da imprese di trasformazione che producono prevalentemente prodotti caseari freschi a forte tipicità; 
  • Importo massimo di investimento: 5 milioni di euro
  • Gli investimenti immateriali non possono superare il 12% della spesa ammessa al finanziamento.
Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale pari al 50% delle spese ammissibili .

L’aiuto può essere concesso anche in conto interesse.
Nel caso di aiuto in conto interesse, l’aiuto è concesso con riferimento a mutuo con ammortamento non superiore a quindici anni e preammortamento massimo di due anni.
Sarà corrisposto il concorso nel pagamento degli interessi per l’intera durata del mutuo (preammortamento e ammortamento) quale differenza tra il tasso di riferimento stabilito nel contratto definitivo di mutuo ed il tasso minimo previsto a carico del beneficiario, previsto pari allo 0,5%.
Il contributo sarà erogato comunque in un'unica soluzione ad avvenuta stipula del contratto definitivo di mutuo. In ogni caso il valore capitalizzato dell’abbuono degli interessi non potrà mai superare l’importo del contributo in conto capitale concedibile per le opere oggetto di aiuto.


Relativamente ai prodotti della silvicoltura l’aiuto è concesso in applicazione del regolamento CE de minimis 1998/2006.