Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

1.2.2 Accrescimento del valore economico delle foreste - PSR - Calabria

Anagrafica Misura
Regione: 
Calabria
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 1 – Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale
Fonti: 

PSR Calabria Vers. Dicembre 2012.

Responsabile della Misura: 

Oliva Francesco

  • Tel:0961/853042.
Oggetto
Descrizione e finalità: 

Si intende accrescere il valore economico delle foreste mediante la creazione o il miglioramento di strutture di servizio alle stesse, il miglioramento  delle condizioni delle superfici forestali, l ' ottimizzazione della gestione delle risorse forestali e l' aumento dell' efficenza della filiera bosco-legno sopratutto nelle aree montane (diversificazione produttiva, ottenimento di energia rinnovabile), compatibilmente con una gestione sostenibile ed il rispetto del ruolo multifunzionale delle foreste.

Le finalità della misura sono:
• migliorare le condizioni di utilizzo dei boschi;
• migliorare i boschi produttivi;
• rafforzare la filiera produttiva forestale;
• creare e migliorare le infrastrutture logistiche e di servizi;
• creare nuovi sbocchi di mercato;
• favorire l’occupazione e il ricambio generazionale.

Interventi ammissibili: 

Gli interventi ammissibili sono:

  • migliorare le condizioni di utilizzo dei boschi;
  • migliorare i boschi produttivi;
  • rafforzare la filiera produttiva forestale;
  • creare e migliorare le infrastrutture logistiche e di servizi;
  • creare nuovi sbocchi di mercato;
  • favorire l’occupazione e il ricambio generazionale.
Destinazione
Destinatari: 
  • Imprenditori forestali privati singoli ed associati che operano su superfici di proprietà privata o comunale;
  • Consorzi forestali, in quanto gestiscono ed operano sulle superfici forestali di proprietà privata o comunale;
  • Altri detentori, privati o Comuni, di superfici forestali che operano su terreni forestali di proprietà comunale e privata.
     
Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Comparti: 
10. Forestale
10.1 Arboricoltura da legno
10.2 Silvicoltura
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali

  • interventi di miglioramento e recupero dei boschi, quali sfolli, diradamenti, avviamenti all’alto fusto di boschi cedui;
  • realizzazione di piazzali per lo stoccaggio e la commercializzazione dei prodotti legnosi forestali e dell’arboricoltura da legno;
  • acquisto di nuovi mezzi, attrezzature e impianti per la gestione del bosco, le utilizzazioni forestali e la raccolta di biomasse legnose in impianti di arboricoltura da legno, nonché per lo stoccaggio ed il primo trattamento del legno;
  • potenziamento dei vivai per la produzione di piantine forestali solo relativamente alla propria azienda;
  • realizzazione ed adeguamento di investimenti aziendali relativi a viabilità forestale, quali strade forestali, piste forestali, (sono ammissibili esclusivamente i nuovi interventi e le manutenzioni straordinarie alle strutture aziendali).


Investimenti immateriali

  • costi di certificazione forestale, al fine di accrescerne il valore economico, assicurare una gestione sostenibile delle foreste, garantire il mantenimento della loro biodiversità produttività e capacità rigenerativa;
  • redazione di piani di gestione forestale e piani dei tagli, ai sensi della normativa nazionale e regionale vigente.


Esclusioni e limitazioni
Non sono ammissibili:

  • investimenti collegati alla rigenerazione dopo il taglio finale o raso;
  • Investimenti di sostituzione finalizzati a sostituire macchinari o fabbricati esistenti con edifici o macchinari nuovi e aggiornati, senza aumentare la capacità di produzione di oltre il 25% o senza modificare sostanzialmente la natura della produzione o della tecnologia utilizzata; (Non sono considerati investimenti di sostituzione la demolizione completa dei fabbricati di un'azienda di almeno 30 anni di vita e la loro sostituzione con fabbricati moderni, né il recupero completo dei fabbricati aziendali. Il recupero è considerato completo se il suo costo ammonta al 50% almeno del valore del nuovo fabbricato.)

Soglie e massimali di spesa

  • Gli investimenti immateriali sono ammissibili solo se connessi ad investimenti materiali fino ad un massimo del 10% della spesa ammissibile totale e comunque non oltre un costo superiore a 100 euro/ha.
  • Sono ammessi i costi generali entro un limite massimo del 9%, ivi incluse le spese tecniche che non potranno superare il 6%.

 

Intensità dell'aiuto: 

L'intensità dell'aiuto è:

  • 60% del costo dell’investimento ammissibile nelle zone di cui all’art. 36 lettera a) punto i), “Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane” ii) “Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane” e iii) “Indennità Natura 2000 e indennità connesse alla direttiva 2000/60/CE” del Reg. (CE) n. 1698/05;
  • 50% del costo dell’investimento ammissibile in altre zone.