Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli - PSR - Toscana

Anagrafica Misura
Regione: 
Toscana
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR versione 9 ( 17/7/2012 ).

Responsabile della Misura: 

Giovanni Filiani:

Oggetto
Descrizione e finalità: 

Con questa misura si intende riconvertire le superfici agricole incentivando la realizzazione di piantagioni con specie forestali autoctone al fine di conservare la biodiversità, tutelare qualitativamente e quantitativamente le risorse idriche superficiali e profonde, ridurre i gas serra, ridurre l’inquinamento del suolo e dell’aria, tutelare il suolo dall’erosione.
L’obiettivo specifico che la misura persegue prioritariamente è quello di “contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici”.
La misura contribuisce anche al conseguimento dei seguenti obiettivi specifici:

  • conservazione della biodiversità e tutela delle specie selvatiche e di quelle coltivate o allevate
  • riduzione dell’erosione del suolo

Tutto ciò in linea con i fabbisogni emersi nell’analisi in merito ai principali temi ambientali e all’indicazione degli strumenti per soddisfare detti fabbisogni, di seguito riportati:

  • Favorire il mantenimento e il miglioramento della variabilità spaziale dell’ambiente rurale
  • Favorire la conservazione qualitativa della risorsa idrica attraverso
  • Favorire l’aumento dell’assorbimento della CO2
Interventi ammissibili: 

Il primo imboschimento di superfici agricole, con creazione di superfici classificabili come "aree forestali" secondo la normativa regionale, mediante:

  • a) realizzazione di impianti di arboricoltura da legno con latifoglie e/o conifere, con ciclo superiore o uguale a 15 anni;
  • b) realizzazione di impianti per la tutela idrogeologica e il miglioramento ambientale con ciclo superiore o uguale a 15 anni;
  • c) realizzazione di impianti arborei, con funzione di filtro antinquinamento e di schermatura (paesaggistica, antirumore, ecc.), in prossimità di canali, corsi d’acqua, infrastrutture lineari (strade, ferrovie, ecc.) o aree industriali, con ciclo superiore o uguale a 15 anni;
  • d) realizzazione di impianti con piante micorrizzate con tartufi, con ciclo superiore o uguale a 15 anni;
  • e) realizzazione di impianti di arboricoltura da legno con latifoglie a ciclo breve, con ciclo compreso fra 8 15 anni.

Gli imboschimenti potranno essere realizzati nei terreni agricoli posti prevalentemente nelle aree della regione dove minore è la copertura boschiva esistente.

Destinazione
Destinatari: 
  • Imprenditori Agricoli Professionali (IAP), proprietari o affittuari di terreni agricoli,
  • Cooperative agro-forestali, Consorzi forestali, compreso enti pubblici e altre persone giuridiche di diritto pubblico.

Sono esclusi dal sostegno gli imprenditori agricoli che beneficiano del sostegno al prepensionamento.

Aree territoriali di riferimento: 

Tutto il territorio regionale
Gli impianti realizzati nelle zone B ad agricoltura intensiva sono prioritari rispetto a quelli eseguiti nelle
altre zone.

Comparti: 
10. Forestale
10.1 Arboricoltura da legno
10.4 Piante tartufigene
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Le spese ammissibili riguardano:

  • Spese di impianto;
  • Spese per cure colturali (costi di manutenzione)

Ai fini della determinazione dei costi di impianto e di esecuzione delle cure colturali, così come stabilito
dal comma 1 dell’art. 53 del Reg. CE 1974/06, si deve fare riferimento alle voci di costo unitarie
contenute nel Prezzario Regionale per interventi e opere forestali (DGR n. 158 del 5 marzo 2007 e
s.m.i.).

Esclusioni e limitazioni
Sono esclusi dal sostegno:

  • impianti di abeti natalizi.

Soglie e massimali di spesa

Tipologia intervento Spesa massima ammissibile per costi di impianto Spesa massima annua ammissibile per le cure colturali
4.a) Impianti di arboricoltura da legno con ciclo superiore o uguale a 15 anni 7.500 €/Ha 1200 € nel 1° e 2° anno; 600 € dal 3° al 5° anno
4.b) Impianti arborei con ciclo superiore o uguale a 15 anni 7.500 €/Ha 1200 € nel 1° e 2° anno; 600 € dal 3° al 5° anno
4.c) Impianti arborei con ciclo superiore o uguale a 15 anni 7.500 €/Ha 1200 € nel 1° e 2° anno; 600 € dal 3° al 5° anno
4.d) Impianti con piante micorrizate con tartufi 8.500 €/Ha 1200 € nel 1° e 2° anno; 600 € dal 3° al 5° anno
4.e) Impianti di arboricoltura da legno con ciclo inferiore ai 15 anni 4.600 €/Ha Non previsto

 

Intensità dell'aiuto: 

Il sostegno è concesso in "regime de minimis"

Contributo in conto capitale:

  • 70% del costo totale ammissibile

Costi d'impianto e manutenzione

Tipologia intervento  Contributo massimo concedibile per costi di impianto Contributo annuo massimo concedibile per le cure colturali
4.a) Impianti di arboricoltura da legno con ciclo superiore o uguale a 15 anni  5.250 €/Ha

840 € nel 1° e 2° anno;   420 € dal 3° al 5° anno

4.b) Impianti arborei con ciclo superiore o uguale a 15 anni  5.250 €/Ha 840 € nel 1° e 2° anno;   420 € dal 3° al 5° anno
4.c) Impianti arborei con ciclo superiore o uguale a 15 anni  5.250 €/Ha 840 € nel 1° e 2° anno;   420 € dal 3° al 5° anno
4.d) Impianti con piante micorrizate con tartufi  5.950 €/Ha 840 € nel 1° e 2° anno;   420 € dal 3° al 5° anno
4.e) Impianti di arboricoltura da legno con ciclo inferiore ai 15 anni  3.220 €/Ha Non previsto

Perdita di reddito

Contributo annuo in conto capitale per 15 anni per perdite di reddito €/Ha

Zona ISTAT Agricoltori Altre persone fisiche o giuridiche di diritto privato
Pianura 286 €/ha 150 €/ha  
Collina 212 €/ha 150 €/ha  
Montagna  104 €/ha  104 €/ha  
Pianura (su superfici coltivate a tabacco tra il 2005 e il 2009) 700 €/ha 150 €/ha
Collina (su superfici coltivate a tabacco tra il 2005 e il 2009) 700 €/ha 150 €/ha