Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.2 Primo impianto di sistemi agro-forestali su terreni agricoli - PSR - Sicilia

Anagrafica Misura
Regione: 
Sicilia
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR Sicilia - Versione Dicembre 2012

Responsabile della Misura: 

Dott.ssa Pedalà Marinella
mpedala@regione.sicilia.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura intende favorire la creazione di sistemi agro-forestali, confacenti all’ambiente ed alle condizioni locali, al fine di:

  • a) espandere la massa forestale;
  • b) diversificare la produzione nelle aree rurali;
  • c) migliorare il paesaggio agrario;
  • d) contribuire alla conservazione del suolo attraverso la riduzione dei fenomeni di erosione e di dissesto idrogeologico ed al mantenimento/incremento della sostanza organica nelle zone collinari e montane ad agricoltura estensiva.

Ai fini della Misura sono sistemi agro-forestali quelli in cui, sulla stessa superficie, la silvicoltura è abbinata all’agricoltura estensiva.

La misura prevede la concessione di aiuti destinati all’impianto di specie forestali autoctone, anche di tipo arbustivo, in filari o in gruppi, (boschetti, filari, esemplari isolati e siepi) con funzione produttiva, protettiva, paesaggistica ed ambientale, in terreni investiti con colture agricole tradizionali estensive.
 

Interventi ammissibili: 

Sono ammissibili a sostegno le seguenti tipologie di sistemi agroforestali abbinati a sistemi agricoli estensivi:

  • a) impianto di essenze arboree e/o arbustive autoctone distribuite in modo sparso e/o in filari o a gruppi con una densità massima di 100 piante per ettaro, con finalità principale protettiva;
  • b) impianti misti arbustivi/arborei a finalità protettiva e produttiva.

Gli impianti dovranno essere effettuati nel rispetto del Piano forestale e del Piano antincendio vigenti e, nelle aree Natura 2000, nel rispetto dei Piani di gestione e o delle misure di conservazione del sito.

Gli impianti devono essere distribuiti sulla superficie interessata con una densità tale da non ostacolare la normale attività agricola estensiva dell’azienda, che in ogni caso tale va mantenuta.

Il sostegno agli investimenti può essere concesso nel rispetto delle seguenti condizioni:

  1. il sistema agro forestale deve essere sempre costituito da agricoltura estensiva da una parte (es.cerealicoltura e/o foraggere in rotazione) e da attività silvicola dall’altra;
  2. la superficie minima di intervento deve essere di almeno 5 ettari;
  3. le specie utilizzate devono essere autoctone tipiche dell’ecosistema interessato e di provenienza il più possibile locale, idonee in rapporto alle condizioni stazionali e non invasive;
  4. deve essere assicurato il rispetto delle norme in materia paesaggistica, ambientale, forestale ed urbanistica;

Non sono ammissibili al sostegno:

  • gli impianti di alberi natalizi;
  • gli impianti di specie a rapido accrescimento destinate alla produzione di biomassa.
Destinazione
Destinatari: 

Imprenditori agricoli singoli o associati.

Aree territoriali di riferimento: 

Tutte le aree del territorio regionale dove è praticata l’agricoltura estensiva (es.cerealicoltura e/o colture foraggere in rotazione) con preferenza per le zone montane e collinari.

Comparti: 
10. Forestale
10.2 Silvicoltura
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali
Sono ammissibili all’aiuto i costi per:

  • a) l’acquisto e la messa a dimora delle piante;
  • b) le cure colturali necessarie a garantire l’attecchimento delle stesse (zappettatura, pacciamatura, irrigazione di soccorso) limitatamente al primo anno successivo all’impianto;

Investimenti immateriali

  • c) le spese generali (progettazione delle opere, direzione lavori, collaudi, ecc.) nel limite dell’8% dell’investimento materiale.

I costi unitari standard d’impianto e delle opere connesse autorizzate sono quelli individuati nei pertinenti prezziari regionali vigenti.

Le voci di spesa in essi non comprese dovranno essere supportate da una specifica analisi e verranno ritenute ammissibili se preventivamente approvate dall’Amministrazione.

Esclusioni e limitazioni

Ogni intervento non potrà superare 1.500 euro di spesa pubblica ammissibile per ettaro.

Importo massimo delle spese generali: 8% dell’investimento materiale
 

Intensità dell'aiuto: 

Contributo per i costi di impianto:


Contributo soggetto al regime temporaneo fino al 31/12/2011.