Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.2 Primo impianto di sistemi agro-forestali su terreni agricoli - PSR - Umbria

Anagrafica Misura
Regione: 
Umbria
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FESR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

Modalità attuative del 26/11/2012.

Responsabile della Misura: 

Responsabile di Misura (Dott. Francesco Grohmann).

 

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La Misura concorre principalmente all‟obiettivo prioritario della conservazione della biodiversità, assicurando il miglioramento della biodiversità delle aree agricole e delle connessioni ecologiche sul territorio attraverso la messa a dimora di alberature su terreni agricoli. Inoltre, concorre alla mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici grazie all‟ aumento della capacità di fissazione del carbonio delle aree agricole.

Gli obiettivi operativi della Misura sono:

  • migliorare la biodiversità delle aree agricole;
  • aumentare la capacità di fissazione della CO2 da parte dei terreni agricoli;
Interventi ammissibili: 

La misura prevede la possibilità di realizzare le seguenti tipologie di sistemi agroforestali:

  • impianto su seminativi di alberature in filare (larghezza delle file compresa fra 20 e 30 metri e interdistanza lungo il filare 5-10 metri) o con alberi omogeneamente distribuiti sulla superficie interessata (numero di alberi per ettaro compreso fra 25 e 50);
  • impianto di pascoli arborati (con la collocazione a dimora di un numero di alberi per ettaro compreso fra 25 e 50, omogeneamente distribuiti sulla superficie interessata).

Per garantire che le piantagioni siano adatte alle condizioni locali e compatibili con l‟ambiente ed in particolare con la biodiversità, potranno essere utilizzate esclusivamente specie autoctone ricomprese nellAllegato W al Regolamento regionale n. 7/2002 ed adeguate alle condizioni stazionali (clima, suolo, esposizione, pendenza) per come caratterizzate nei documenti ed elaborati esistenti (Carta fitoclimatica, Carta dei suoli, Carta della vegetazione potenziale e relative serie vegetazionali).

La superficie minima di intervento è fissata in un ettaro accorpato.

Destinazione
Destinatari: 

Imprenditori agricoltori singoli o associati.

Aree territoriali di riferimento: 

Intero territorio regionale.

Comparti: 
10. Forestale
10.1 Arboricoltura da legno
10.2 Silvicoltura
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Costi d‟impianto dovranno :

  • costo relativo al materiale di impianto.
  • costo della messa a dimora.
  • costo direttamente collegato e necessario all‟impianto.

Esclusioni e limitzioni:

Non sono ammissibili:

  • coltivazione di alberi di Natale e le specie a rapido accrescimento per impianti a ciclo breve.

Soglie e massimali di spesa:

Gli importi dell‟investimento ammissibile sono così definiti in relazione al numero di piante collocate a dimora:

  • piante di piccole dimensioni in filare da euro 480 a 950 per ettaro;
  • piante pronto effetto in filare da euro 680 a euro 1.580 per ettaro;
  • piante di piccole dimensioni omogeneamente distribuite da euro 280 a 560 per ettaro;
  • piante pronto effetto omogeneamente distribuite da euro 660 a 1.320 per ettaro.
Intensità dell'aiuto: 

L‟intensità dell‟aiuto per i costi di impianto:

  • 80% del costo dell‟investimento ammissibile nelle zone montane di cui alla misura 211, nelle zone caratterizzate da svantaggi naturali di cui alla misura 212 e nei siti di cui alle direttive 2009/147/CE e 92/43/CEE;
  • 70% del costo dell‟investimento ammissibile nelle altre zone.