Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

2.2.7 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale - PSR - Piemonte

Anagrafica Misura
Regione: 
Piemonte
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 2 - Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale
Fonti: 

PSR Piemonte - Versione approvata con D.G.R. 2-9977 del 05/11/2008 (modifiche anno 2008) ed integrata con modifiche Health Check al 10/12/2009

Responsabile della Misura: 

Franca DE FERRARI
tel. 011-432.2965
mail: franca.deferrari@regione.piemonte.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura concorre a perseguire gli obiettivi strategici di conservazione e incremento della biodiversità, di tutela degli ecosistemi forestali ad alto valore paesaggistico e naturalistico e delle foreste che svolgono una funzione pubblica di protezione di beni, cose e persone e del suolo.

Promuove la realizzazione di investimenti non produttivi finalizzati a migliorare e conservare le funzioni ambientali (lotta ai cambiamenti climatici e riduzione CO2, mantenimento biodiversità) di protezione e tutela assicurate dagli ecosistemi forestali.
 

Interventi ammissibili: 

Sono ammessi investimenti a favore di superfici forestali di proprietà di privati o Comuni, singoli o associati.

Gli investimenti, attuati ove è prevalente la funzione pubblica, devono perseguire finalità ambientali ed ecologiche, non devono condurre ad un apprezzabile incremento nel valore o nella redditività delle superfici interessate, né comportare un ritorno economico per proprietari e gestori delle superfici interessate.

In particolare sono ammissibili le seguenti tipologie di intervento:

1. Investimenti non produttivi eseguiti in boschi finalizzati al raggiungimento dei seguenti obiettivi ambientali:

  • miglioramento strutturale e funzionale dei soprassuoli forestali esistenti, conservazione e miglioramento della biodiversità;
  • potenziamento della stabilità ecologica dei popolamenti forestali con funzioni prevalentemente protettive, quali:
  • rinaturalizzazione delle formazioni forestali di origine antropica;
  • reintroduzione di specie autoctone sporadiche o rare per diversificarne la composizione specifica di formazioni floristicamente povere;
  • ricostituzione di aree aperte all’interno dei boschi al fine di aumentare la variabilità spaziale e la biodiversità.


2. Investimenti forestali non produttivi ai fini della valorizzazione dei boschi in termini di pubblica utilità, e finalizzati a favorire la fruibilità sociale per scopi ricreativi, turistici e didattici e culturali quali l’identificazione e creazione di percorsi guidati, punti di accesso e itinerari obbligati, punti informativi e descrittivi, aree di sosta mirate, viste e punti panoramici vincolati, valorizzazione di elementi e manufatti storici presenti all’interno e nelle aree di margine delle aree forestali.

Gli interventi selvicolturali realizzati su superfici superiori ai 50 ettari devono essere realizzati sulla base di un apposito Piano forestale a livello aziendale, conforme alla pianificazione riferita all'utilizzo dei terreni (Piani Forestali Territoriali).
 

Destinazione
Destinatari: 
  • Regione Piemonte
  • Soggetti che hanno assunto impegni nel settore forestale nell'ambito delle altre misure a carattere ambientale
  • Altri soggetti pubblici e privati del settore forestale
  • Privati o Comuni, singoli o associati proprietari di superfici forestali
     
Aree territoriali di riferimento: 

Territorio regionale classificato montano o collinare, foreste a destinazione naturalistica, aree della Rete Natura 2000 e boschi da seme.

Comparti: 
14. Interventi agroforestali non produttivi
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali

1. Investimenti non produttivi eseguiti in boschi finalizzati al raggiungimento dei seguenti obiettivi ambientali:

  • migliorare sotto il profilo strutturale e funzionale i soprassuoli forestali esistenti, conservare e migliorare la biodiversità;
  • potenziare la stabilità ecologica dei popolamenti forestali con funzioni prevalentemente protettive, quali: a) rinaturalizzazione delle formazioni forestali di origine antropica; b) reintroduzione di specie autoctone sporadiche o rare per diversificarne la composizione specifica di formazioni floristicamente povere; c) ricostituzione di aree aperte all’interno dei boschi al fine di aumentare la variabilità spaziale e la biodiversità.


2. Investimenti forestali non produttivi ai fini della valorizzazione dei boschi in termini di pubblica utilità, e finalizzati a:

  • favorire la fruibilità sociale per scopi ricreativi, turistici e didattici e culturali quali l’identificazione e creazione di percorsi guidati, punti di accesso e itinerari obbligati, punti informativi e descrittivi, aree di sosta mirate, viste e punti panoramici vincolati, valorizzazione di elementi e manufatti storici presenti all’interno e nelle aree di margine delle aree forestali.

 

Investimenti immateriali

Le spese generali quali, ad esempio, le spese professionali, le consulenze, gli studi di fattibilità, di pianificazione, certificazione e progettazione, saranno ammesse solo se legate a investimenti materiali.

 

Soglie e massimali di spesa

Importo massimo investimenti immateriali
12% degli investimenti materiali ammissibili a cui sono collegati
 

Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale.

100% delle spese ammissibili.