Cerca un finanziamento

You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.
You don't have Javascript enabled. Hover for more information! But don't worry: you can still use this web site! You have two options:
  • attiva Javascript nel tuo browser e ricarica la pagina per una miglior funzionamento.
  • clicca il tasto Aggiorna quando devi aggiornare la tendina di selezione.

3.1.1 Diversificazione in attività non agricole - PSR - Basilicata

Anagrafica Misura
Regione: 
Basilicata
Strumento agevolativo: 
PSR
Fondo strutturale: 
FEASR
Asse prioritario: 
Asse 3 - Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale
Fonti: 

PSR Basilicata - Versione Settembre 2012

Responsabile della Misura: 

DE CANIO Rocco
Telefono 0971.668718
rocco.decanio@regione.basilicata.it

Oggetto
Descrizione e finalità: 

La misura intende contribuire a:

  • diversificare le fonti di reddito delle famiglie agricole;
  • favorire la permanenza dei giovani componenti la famiglia agricola nel settore;
  • accrescere l’attrattività dell’ambiente rurale come sede di investimenti e residenza;
  • garantire lo sviluppo sostenibile del territorio promuovendo l’offerta e l’uso innovativo di fonti di energia rinnovabili;
  • migliorare l’offerta turistica e la diffusione di attività di piccolo commercio e artigianato in ambito rurale;
  • incrementare il livello di utilizzazione delle biomasse a scopo energetico;
  • aumentare le aliquote di produzione e vendita di energia da fonti non fossili
Interventi ammissibili: 

L’aiuto è accordato con riferimento alle seguenti linee di azione:

Linea di azione A - Investimenti in aziende agricole dedicate all’attività agrituristica (compresi gli arredi), al fine di realizzare:

  • alloggi agrituristici, punti di ristoro agrituristico;
  • abbattimento delle barriere architettoniche;
  • sistemazione di spazi esterni all’azienda agrituristica al fine di facilitare la fruizione da parte degli ospiti alloggiati;
  • costruzione o ristrutturazione di piccoli impianti sportivi per gli ospiti;
  • laboratori polifunzionali, dispense, sale di esposizione e di degustazione di prodotti, ecc;
  • investimenti per consentire lo svolgimento di attività didattiche, culturali, sportive, ricreative, di artigianato rurale, escursionistiche, di ippoturismo, ecc. all’interno dell’azienda agricola.

Gli investimenti comprendono:

  • l’ammodernamento, la manutenzione straordinaria, e la ristrutturazione di fabbricati già a servizio dell’azienda agricola utilizzando criteri costruttivi tipici del luogo
  • investimenti destinati alla trasformazione dei prodotti aziendali in prodotti non compresi nell’Allegato I del Trattato.
  • spese per la dotazione degli immobili (attrezzature ed arredi) compreso l’acquisto di attrezzature informatiche (hardware e software) funzionali agli investimenti.

Gli investimenti dovranno rispondere ai criteri dimensionali e di connessione con l’attività agricola, nonché ai vincoli stabiliti dalla normativa regionale in materia di Agriturismo (L.R. n. 17 del 25 febbraio 2005 e Regolamento attuativo regionale).


Linea d’azione B – Investimenti in aziende agricole per la creazione e l’ampliamento di fattorie multifunzionali quali:

  • fattorie sociali, finalizzate all’inclusione sociale di persone con disabilità, anziani, lavoratori extracomunitari, e alle attività di assistenza ai bambini in età prescolare;
  • fattorie didattiche per lo svolgimento di attività destinate ad adulti e ragazzi in età scolare;
  • fattorie creative, funzionali allo sviluppo di servizi di piccolo commercio, artigianato locale (non agricolo) e turistico-ricreativi.

Gli investimenti per la ristrutturazione e l’arredo degli immobili da destinare ad attività artigianali e di piccolo commercio non riferite ad attività agricole, riguarderanno in particolare quelle tipiche delle aree rurali lucane (lavorazione del legno, del ferro, del ricamo, dei filati etc.), ivi compresa la realizzazione di punti vendita dei prodotti.

Linea d’azione C - Investimenti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia da fonti rinnovabili

  • centrali termiche con caldaie ad alta efficienza, alimentate prevalentemente a cippato o a pellets o a pezzi di legna;
  • microimpianti per la creazione di biogas dai quali ricavare energia termica e/o elettrica (compresa cogenerazione) e di biocombustibili;
  • microimpianti per la produzione di energia eolica, solare, idrica (piccoli salti) comprese eventuali piccole reti di distribuzione dell’energia prodotta interne all’azienda agricola.

Gli investimenti ammessi dovranno dimostrare un bilancio della CO2 favorevole. In accordo con le finalità dell’Asse l’energia prodotta dovrà prevalentemente, per non meno di 2/3, destinata alla vendita.
 

Destinazione
Destinatari: 

Imprenditori agricoli e/o membri della famiglia agricola.

Aree territoriali di riferimento: 

Macroaree:

  • D1 (Aree ad agricoltura con modelli organizzativi più avanzati)
  • D2 (Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo).

Nella Zona B gli interventi saranno residuali e riservati esclusivamente alle aziende agricole che presentano svantaggi strutturali che ne limitano la competitività per quanto riguarda l’attività agricola.

Elenco comuni per zona di appartenenza.
 

Comparti: 
12. Agriturismo e attività connesse (artigianato, fattorie didattiche, ....)
13. Energie rinnovabili
Investimenti e contributo
Spese ammissibili: 

Investimenti materiali

Linea di azione A - Investimenti in aziende agricole dedicate all’attività agrituristica

  • ammodernamento, manutenzione straordinaria, e ristrutturazione di fabbricati già a servizio dell’azienda agricola utilizzando criteri costruttivi tipici del luogo
  • investimenti destinati alla trasformazione dei prodotti aziendali in prodotti non compresi nell’Allegato I del Trattato.
  • spese per la dotazione degli immobili (attrezzature ed arredi) compreso l’acquisto di attrezzature informatiche (hardware e software) funzionali agli investimenti.

Linea d’azione B – Investimenti in aziende agricole per la creazione e l’ampliamento di fattorie multifunzionali

  • ammodernamento, manutenzione straordinaria, ristrutturazione di fabbricati già a servizio dell’azienda agricola utilizzando criteri costruttivi tipici del luogo
  • acquisto di attrezzature ed arredi (comprese attrezzature informatiche, hardware e software) funzionali alle attività da svolgere.

Linea d’azione C - Investimenti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia da fonti rinnovabili

  • spese per l’istallazione di sistemi con una potenza massima di 1 MW.


Investimenti immateriali

  • spese generali connesse e funzionali agli investimenti materiali ammissibili.

Esclusioni e limitazioni

  • Sono escluse spese di acquisto di terreni e fabbricati, di animali, nonché le spese relative a interventi di manutenzione ordinaria delle strutture e dei servizi;
  • Sono escluse spese per impianti con potenza superiore i 20 MW;
  • Sono escluse spese di mera sostituzione.


Soglie e massimali di spesa

  • Importo massimo investimenti immateriali 20% dell’investimento totale
     
Intensità dell'aiuto: 

Contributo in conto capitale, in conto interesse o in combinazione tra di loro.

  • Contributo in conto capitale: 50% della spesa massima ammissibile.
  • In riferimento alla sola azione C: l’aiuto è concesso ai sensi della normativa in materia degli Aiuti di Stato N. 248/09

Contributo soggetto al regime "de minimis"